L’olio extravergine di oliva è considerato l’alimento principe della dieta mediterranea, l’alimentazione sana per eccellenza riconosciuta come patrimonio mondiale dell’umanità. Ma quali sono i reali vantaggi nell’assumere l’olio extravergine di oliva?

Innanzitutto, a differenza di altre varietà di olio come quello raffinato o l’olio di oliva, quello extravergine è riccodi Polifenoli, molecole antiossidanti che contrastano ed eliminano la presenza di radicali liberi nel nostro corpo e che hanno il compito di aumentare le nostre difese immunitarie. Hanno la grande capacità di ridurre la formazione di forme tumorali, come il tumore al seno, ed hanno una funzione protettiva nei riguardi di altre gravi patologie. Riducono persino il colesterolo cattivo (LDL) in circolazione nel sangue, così da far diminuire il rischio di infarti.

Tra gli acidi grassi insaturi presenti nell’olio extravergine di oliva, si distinguono in particolare l’acido oleico monoinsaturo, che ha il compito di contrastare il colesterolo cattivo favorendo la stabilità del colesterolo buono (HDL) e l’acido linoleico, la sostanza che svolge una funzione antidolorifica e antinfiammatoria.

L’olio extravergine di oliva contiene percentuali elevate di altre proprietà benefiche, ovvero la Vitamina A, Vitamina D, Vitamina E e minerali come ferro, potassio, calcio e magnesio.

Tutte queste proprietà concorrono nel benessere della nostra salute; per esempio, è bene sapere che la presenza degli antiossidanti non solo prolunga la vita delle cellule contrastando l’invecchiamento, ma migliora anche la memoria e che i grassi monoinsaturi, oltre ad avere funzioni antidolorifiche per chi soffre d’artrite, riducono il rischio di malattie degenerative come l’Alzheimer, grazie alla sua capacità di combattere la proteina Beta- amiloide, generatrice di grosse placche che si depositano sulle membrane cerebrali dando vita a questa patologia.